Capelli splendidi: scegliere shampoo, balsamo e piastra

Avere capelli morbidi e lucenti è il segnale di una persona curata: la salute del capello infatti si ottiene solo con una dedizione costante e utilizzando i prodotti più idonei allo scopo. I capelli sono costituiti principalmente da una proteina filamentosa, la cheratina, e da acqua: se si danneggia la struttura del capello è molto difficile riparare il danno, perché la parte ormai cresciuta non si rigenera da sola.

Il vero segreto consiste perciò nel mantenere sani i capelli fin da quando spuntano dal cuoio capelluto, privilegiando shampoo e balsami appropriati e scegliendo una piastra per capelli di qualità.

L’acquisto dello shampoo e del balsamo andrebbe fatto orientandosi su prodotti professionali, che aiutino la ricostruzione dei capelli, disponibili non solo nei saloni e in profumeria, ma ormai anche in molti supermercati e online. Per gli arricciacapelli e le piastre liscianti occhio a non buttarsi su accessori scadenti o importati in Italia senza adeguata certificazione a norma.

Lo shampoo mira a detergere il capello, facilitando la rimozione dello sporco durante il lavaggio e rispettando al tempo stesso le caratteristiche naturali del capello. Ilbalsamo è un trattamento facoltativo molto consigliato per restituire al capello lavato la protezione che in natura è fornita dal sebo, la sostanza oleosa che si accumula e viene rimossa con il lavaggio. Una buona regola per scegliere questi prodotti è capire che tipo di capello si ha: vediamo come.

Capelli colorati e trattati: si tratta di capelli sottoposti allo stress della tintura o della permanente (o stiratura), quindi particolarmente fragili e non più naturali. La loro composizione chimica è alterata e lo shampoo apposito non solo risulta più delicato, ma rallenta il deterioramento dei pigmenti colorati artificiali, con i quali i prodotti normali interferiscono in misura maggiore.

Capelli secchi: un capello secco per natura ha bisogno di una pulizia meno aggressiva. La formula di questi shampoo è più delicata e arricchita con umettanti, cioè sostanze che aumentano la capacità del capello di assorbire l’acqua.

Piastra per capelli: l’uso di un ferro caldo per acconciare i capelli è antichissimo. Il calore permette di modellare temporaneamente la forma del capello, ma se dosato male può rovinarlo. Per questo sono comode le piastre con termostato regolabile: un capello mosso si liscia a una temperatura inferiore rispetto a uno riccio.

Anche il materiale della piastra conta: quelle più moderne prediligono la ceramica, che distribuisce bene la temperatura e scorre in modo fluido sul capello. Alcune rilasciano ioni negativi che riducono l’elettrizzazione del capello, mantenendolo più idratato durante la stiratura.

Leave a reply

required